Garanzia lavoro – Incentivi per le assunzioni nella Regione Abruzzo

La Regione Abruzzo ha messo a disposizione un plafond complessivo di 11 milioni 970mila euro,  per contrastare la disoccupazione in Abruzzo e favorire l’occupazione stabile a tempo indeterminato. Un focus specifico, attraverso una dotazione finanziaria dedicata, è stato rivolto alle imprese operanti nell’area di crisi industriale complessa della Val Vibrata – Tronto Piceno.

Vediamo assieme il dettaglio della misura.

IMPRESE BENEFICIARIE

Possono presentare domanda:

Le imprese devono:

  1. essere iscritte alla Camera di Commercio o registro equivalente;
  2. che abbiano, almeno al momento del pagamento dell’aiuto, sede operativa nel territorio regionale;
  3. che sono in regola con le norme che disciplinano le assunzioni obbligatorie previste dalla L. 68/1999 e s.m. E’ esclusa, pertanto, la possibilità che gli aiuti vengano erogati per raggiungere le quote di assunzioni obbligatorie previste dalla stessa norma;
  4. che sono in regola con l’applicazione del CCNL, regionale, gli accordi interconfederali sottoscritti da associazioni di datori di lavoro ed organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative;
  5. che sono in regola con l’osservanza degli obblighi contributivi ed assicurativi previsti dalla normativa vigente;
  6. che sono in regola con la normativa vigente in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.;
  7. che sono attive, ovvero che non si trovano in stato di fallimento oppure di liquidazione o abbiano presentato domanda di concordato;
  8. che non hanno effettuato licenziamenti, fatti salvi quelli per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo e fatti salvi specifici accordi sindacali con le organizzazioni territoriali più rappresentative, nei 6 (sei) mesi precedenti la presentazione della domanda di finanziamento;
  9. che non hanno in corso procedure di CIGS per la stessa qualifica professionale oggetto della richiesta di contributo
  10. che non sottoposti ad alcuna misura di prevenzione, di cui al D.lgs 159/2011, e che non sono a conoscenza dell’esistenza a proprio carico di procedimenti in corso;
  11. che non hanno rapporti di parentela, affinità e coniugio con i soggetti che si intendono assumere, secondo la definizione dell’art. 230 bis c.c., come introdotto dalla L. n. 151/1975 sulla riforma del diritto di famiglia;
  12. che non hanno in corso e non hanno attivato procedure concorsuali.

TIPOLOGIE DI ASSUNZIONI AMMISSIBILI

  • Assunzione di un nuovo lavoratore a tempo indeterminato full time o part time massimo del 75%;
  • Stabilizzazione di un lavoratore, mediante trasformazione di contratto a tempo determinato ad un contratto a tempo indeterminato o part time massimo del 75%;
  • Assunzione di un lavoratore con contratto di apprendistato full time o part time massimo del 75%.

AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

L’agevolazione concedibile sarà costituita da un contributo, da erogare in regime “DE MINIMIS” ai sensi del Reg. UE 1407  a scelta, in regime di Regolamento di Esenzione (Reg. UE 651/2014 “GBER”).

Per entrambi i Regolamenti, il contributo ottenibile è:

  • € 8.000,00 per assunzioni a tempo indeterminato disposte in favore di lavoratori uomini disoccupati dai 18 ai 49 anni
  • € 10.000,00 per assunzioni a tempo indeterminato disposte in favore di tutte le lavoratrici donne e di lavoratori uomini over 50 disoccupati/e.

E’ possibile l’assunzione part-time a patto che non sia inferiore al 75%.

L’INCENTIVO NON PUO’ ECCEDERE IL 40% DEL COSTO SALARIALE LORDO ANNUALE DEL NUOVO ASSUNTO (IN CASO DI UNDER 50) E IL 50% (IN CASO DI OVER 50).

IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DEVE ESSERE MANTENUTO PER ALMENO 2 ANNI.

DESTINATARI

Nel caso di Regolamento De Minimis è possibile assumere uomini/donne con stato di disoccupazione minimo di 1 giorno residenti in Abruzzo.

Nel caso di assunzione in regime di Esenzione, nel caso di destinatari con età compresa tra i 25 e i 49 anni, l’anzianità di disoccupazione non deve essere inferiore a 6 mesi, sempre residenti in Abruzzo.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Dal 10/12/2018  a 01/04/2019

MODALITA’.

Procedura a sportello

Share this post:

Articoli collegati

[adrotate group="2"]

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.