Agevolazioni per investimenti nell’area sisma Centro Italia

La Regione Abruzzo ha reso pubblico l’avviso volto ad incentivare le imprese che sostengono o hanno già sostenuto ( a partire da agosto 2016) investimenti produttivi. Le agevolazioni di cui al presente decreto sono finalizzate a sostenere la ripresa e lo sviluppo del tessuto produttivo dell’area colpita dagli eventi sismici dell’agosto e ottobre 2016 e del gennaio 2017, tramite la concessione di aiuti alle imprese beneficiarie, aventi sede operativa nei comuni al momento dell’erogazione.

BENEFICIARI

Possono presentare domanda:
a) Le imprese beneficiarie iscritte al registro delle imprese: presenza di una o piu’ unita’ produttive – ubicate in uno o piu’ comuni del sisma, alla data di presentazione della domanda o al momento
dell’erogazione del contributo;
b) per le imprese beneficiarie non iscritte al registro delle imprese: luogo dell’esercizio dell’attivita’ d’impresa – come riscontrabile dal certificato di attribuzione della Partita IVA – in uno o piu’
comuni, alla data di presentazione della domanda o al momento di erogazione del contributo;

Sono ammissibili le attività economiche in qualsiasi settore (ad eccezione delle attività connesse all’esportazione).

COSTI AMMISSIBILI

I contributi sono concessi a fronte dell’effettuazione di nuovi investimenti produttivi, anche finalizzati alla realizzazione di nuove unita’ produttive o all’ampliamento di unita’ produttive
esistenti.
I costi ammissibili sono:
a. il suolo aziendale e le sue sistemazioni nei limiti del 10% del totale degli investimenti ammissibili;
b. opere murarie ed assimilate inclusi l’acquisto o la realizzazione di nuovi immobili o l’ampliamento di immobili esistenti. Nel caso di strutture ricettive la spesa è ammissibile sino al
70% del totale mentre per gli opifici fino al 50%;
c) beni materiali ammortizzabili (anche in leasing);
d) brevetti e gli altri diritti di proprieta’ industriali;
e) i programmi informatici esclusivamente connessi alle esigenze di gestione del ciclo produttivo caratteristico dell’impresa;
f) per le sole piccole e medie imprese, i costi relativi all’acquisizione di servizi di consulenza connessi al programma di investimento produttivo;

Per le voci di spesa e) ed f) il limite massimo ammissibile è il 10% fino ad un totale di 50.000

Saranno ammessi a contributo i programmi di investimento che presentano spese ammissibili non inferiori ad euro 20.000,00, mentre il contributo nel suo ammontare massimo sara’ determinato su un importo di costi ammissibili non superiore ad euro 1.500.000,00.

AMMISSIBILITA’ DELLE SPESE

Sono ammissibili le spese sostenute a decorrere, in caso di opzione dei Regolamenti de minimis, dal giorno successivo al 24 agosto 2016; mentre in caso di opzione dei Regolamenti di
esenzione, a partire dalla data di avvio del progetto, che deve essere successiva alla data di presentazione della domanda di contributo.

AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

Alle imprese beneficiarie puo’ essere concesso un contributo in conto capitale sui costi ammissibili, secondo una delle seguenti opzioni:
a. pari al 50% dei costi ritenuti ammissibili entro il limite massimo di contributo e nel rispetto delle condizioni previste dai Regolamenti de minimis;
b. ai sensi dei Regolamenti di esenzione, con le intensita’ di aiuto ivi previste a seconda della dimensione di impresa e della localizzazione dell’investimento per le singole tipologie di costi
ammissibili nel rispetto delle condizioni previste dai medesimi regolamenti;
c. le imprese che hanno gia’ avviato l’investimento possono ricevere l’agevolazione SOLO ai sensi dei Regolamenti de minimis.

CRITERI DI VALUTAZIONE

a) Danni diretti subiti per effetto degli eventi sismici del 24 agosto 2016 e seguenti di cui al decreto-legge n. 189/2016 come rilevabili dalle schede AeDES con esito E, B o C, con priorita’
per mle imprese che abbiano subito l’inagibilita’ totale dell’immobile sede dell’attivita’ produttiva;
b) incremento occupazionale generato per effetto degli investimenti, con priorita’ per le assunzioni a tempo indeterminato realizzate entro i sei mesi successivi alla conclusione del programma mdi
investimenti;
c) rilevanza patrimoniale dell’investimento data dal rapporto tra il valore degli investimenti in programma e il valore degli investimenti netti alla data dell’ultimo bilancio o periodo
d’imposta.
d)condizione di microimpresa, piccola impresa o media impresa, con attribuzione di punteggi in ordine decrescente al crescere della dimensione dell’impresa;
e) possesso del rating di legalità.

APERTURA SPORTELLO

La misura, a sportello valutativa, avrà inizio a partire dal 15 maggio p.v. fino ad esaurimento risorse.

COMUNI REGIONE ABRUZZO

Barete (Aq); Cagnano Amiterno (Aq); Campli (TE) Campotosto (AQ); Capitignano (AQ); Castelcastagna (Te); Castelli (TE); Civitella del Tronto (TE); Colledara (Te); Cortino (TE);
Crognaleto (TE); Fano Adriano (Te). Farindola (Pe); Isola del Gran Sasso (Te); Montereale (AQ); Montorio al Vomano (TE); Pietracamela (Te) Pizzoli (Aq); Rocca Santa Maria (TE); Teramo;
Torricella Sicura (TE); Tossicia (TE); Valle Castellana (TE).

Share this post:

Articoli collegati

[adrotate group="2"]

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.