FONDIMPRESA: nuovo avviso Sicurezza e Ambiente

Fondimpresa, il noto fondo interprofessionale per la formazione continua, ha emanato un nuovo bando (Avviso n. 1/2014) per la realizzazione di piani formativi condivisi tra le parti sociali, finalizzati all’innalzamento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro ovvero alla formazione dei lavoratori su tematiche ambientali.

PIANI FORMATIVI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO
Per la realizzazione dei piani finalizzati all’innalzamento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro, l’avviso mette a disposizione € 16.000.000 per tutto il territorio nazionale.
Le azioni formative devono essere destinati propri collaboratori con contratto di lavoro subordinato, inclusi i lavoratori con contratti di inserimento o reinserimento, i lavoratori posti incassa integrazione guadagni, anche in deroga, i lavoratori con contratto di solidarietà e quelli assunti a tempo determinato con ricorrenza stagionale.

I piani formativi verranno  finanziati fino ad esaurimento dello stanziamento previsto per l’Avviso, e possono essere presentati

  • dal 15 aprile 2014 ed entro e non oltre il 22 luglio 2014.

Tale opportunità rimarrà aperta sino ad esaurimento delle risorse stanziate complessivamente (€ 16.000.000 per tutto il territorio nazionale).

Le singole azioni formative aziendali potranno avere una durata variabile tra un minimo di 8 ore ed un massimo di 80 e i piani formativi potranno riguardare esclusivamente le seguenti tipologie ed aree tematiche:

  • Salute e Sicurezza: interventi finalizzati all’incremento della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro e al miglioramento dei livelli di prevenzione e protezione contro gli infortuni e le malattie professionali.
  • Gestione ambientale e sicurezza: azioni formative inerenti ad aspetti di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, direttamente connessi ad un Sistema di Gestione Ambientale.
  • Sistemi di gestione integrati: sviluppo delle competenze in materia di salute e sicurezza nell’ambito di interventi per la introduzione di sistemi di gestione della sicurezza o di sistemi di gestione integrata qualità, ambiente, sicurezza.

Inoltre, risulteranno prioritari piani formativi che presenteranno uno o più degli elementi che seguono:

  • destinatari della formazione non italiani, di età inferiore a 32 anni oppure assunti da meno di 12 mesi:
  • presenza, in misura al 30%, di aziende appartenenti ai settori di attività economica con maggiore frequenza infortunistica;
  • presenza, in misura superiore al 30%, di lavoratori provenienti da imprese rientranti nella definizione comunitaria di PMI;
  • presenza di iniziative che coinvolgano in modo significativo lavoratrici donne, lavoratori con età superiore a 50 anni, lavoratori sospesi (cassa integrazione, contratti di solidarietà), lavoratori con contratto di inserimento o di reinserimento, lavoratori stagionali ricorrenti;
  • presenza di obiettivi di sviluppo integrato delle competenze gestionali, di processo e comportamentali in materia di salute e sicurezza.


PIANI FORMATIVI SU TEMATICHE AMBIENTALI

Per la realizzazione di piani di formazione aziendali o interaziendali su tematiche ambientali, il bando mette a disposizione € 12.000.000.

 

I piani formativi verranno  finanziati fino ad esaurimento dello stanziamento previsto per l’Avviso, e possono essere presentati:

  • dal 15 maggio ed entro e non oltre il 30 settembre 2014.

 

Nell’ambito del Piano formativo possono essere affrontate le tematiche ritenute idonee al conseguimento degli obiettivi condivisi tra le parti sociali, purché le attività riguardino uno o più delle seguenti tipologie ed aree ambientali, anche in forma integrata:

  • Gestione e certificazione ambientale di sistema e di prodotto
  • Bilanci ambientali e miglioramento continuo delle prestazioni ambientali
  • Efficienza e risparmio energetico, uso di fonti integrative erinnovabili, certificazione energetica.
  • Aspetti tecnici e normativi della gestione ambientale e del rapporto tra aziende, territorio, produttori e consumatori, con particolare riferimento a:
    • Igiene
    • Gestione rifiuti e tracciabilità
    • Reflui ed emissioni
    • Gestione risorse idriche
    • Gestione sostanze chimiche
    • Tecnologie e metodologie per il miglioramento ambientale
    • Tecnologie in materia di efficienza energetica ed energie rinnovabili
    • Tecniche, metodologie e competenze gestionali in materia di carichi e impatti ambientali ed energetici.

 

Share this post:

Articoli collegati

[adrotate group="2"]

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.