Incentivi per assunzioni nella Regione Marche

La Regione Marche intende attivare l’azione “Aiuti alle assunzioni”, un intervento previsto tra le misure di politica attiva ammissibili al cofinanziamento del POR FSE 2014/2020, che prevede agevolazioni a favore delle imprese che assumono a tempo indeterminato (Full – time o Part-time) o a tempo determinato (Full – time o Part-time – di durata di almeno 24 mesi), soggetti disoccupati ai sensi del D.lgs 150/2015 e ss.mm.ii.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare domanda a valere sul presente Avviso Pubblico le imprese che assumono soggetti disoccupati ai sensi del D.lg 150/2015 e ss.mm.ii.
Le imprese devono:
a) essere iscritte alla Camera di Commercio o registro equivalente;
b) che abbiano, almeno al momento del pagamento dell’aiuto, sede legale e/o operativa nel territorio regionale;
c) che sono in regola con le norme che disciplinano le assunzioni obbligatorie previste dalla L. 68/1999 e s.m. E’ esclusa, pertanto, la possibilità che gli aiuti vengano erogati per raggiungere le quote di assunzioni obbligatorie previste dalla stessa norma;
d) che sono in regola con l’applicazione del CCNL, regionale, gli accordi interconfederali sottoscritti da associazioni di datori di lavoro ed organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative;
e) che sono in regola con l’osservanza degli obblighi contributivi ed assicurativi previsti dalla normativa vigente;
f) che sono in regola con la normativa vigente in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.;
g) che sono attive, ovvero che non si trovano in stato di fallimento oppure di liquidazione o abbiano presentato domanda di concordato;
h) che non hanno effettuato licenziamenti, fatti salvi quelli per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo e fatti salvi specifici accordi sindacali con le organizzazioni territoriali più rappresentative, nei 6 (sei) mesi precedenti la presentazione della domanda di finanziamento;
i) che non hanno in corso procedure di CIGS per la stessa qualifica professionale oggetto della richiesta di contributo
j) che non sottoposti ad alcuna misura di prevenzione, di cui al D.lgs 159/2011, e che non sono a conoscenza dell’esistenza a proprio carico di procedimenti in corso;
k) che non hanno rapporti di parentela, affinità e coniugio con i soggetti che si intendono assumere, secondo la definizione dell’art. 230 bis c.c., come introdotto dalla L. n. 151/1975 sulla riforma del diritto di famiglia;

REGIMI DI AIUTO

L’agevolazione concedibile sarà costituita da un contributo, da erogare in regime “DE MINIMIS” ai sensi del Reg. UE 1407/13 o “IN ESENZIONE”, ai sensi del Reg. UE 651/2014. Sono previsti
entrambi i regimi e viene lasciata alle imprese beneficiarie la possibilità di optare per uno dei due regimi possibili

OPZIONE DE MINIMIS
Il contributo è quantificato nel modo di seguito indicato:
– Importo massimo di euro 10.000,00 in caso di assunzione con contratto a tempo indeterminato (IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DEVE ESSERE MANTENUTO PER ALMENO 3
ANNI)
– Importo massimo di euro 5.000,00 in caso di assunzione con contratto a tempo determinato di almeno 24 mesi (IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO DEVE ESSERE MANTENUTO
FINO ALLA NATURALE SCADENZA).

Nei casi di assunzioni part-time, l’importo del contributo sarà ridotto proporzionalmente al numero i ore settimanali previsto dal contratto di categoria applicato e, nel caso di part-time verticale, si terrà conto della media settimanale dell’orario prestato.

OPZIONE IN REGIME DI ESENZIONE
Il contributo è quantificato nel modo di seguito indicato:
In caso di assunzione a TEMPO INDETERMINATO:

  • quota pari al 50% dei costi salariali riferiti ad un periodo di 12 mesi, per i soggetti svantaggiati,
  • quota pari al 50% dei costi salariali riferiti ad un periodo di 24 mesi, per i soggetti molto svantaggiati.
  • quota pari al 75% dei costi salariali riferiti ad un periodo di 24 mesi, per i soggetti disabili

In caso di assunzione a TEMPO DETERMINATO di almeno 24 mesi:

  • quota pari al 25% dei costi salariali riferiti ad un periodo di 12 mesi, per i soggetti svantaggiati,
  • quota pari al 25% dei costi salariali riferiti ad un periodo di 24 mesi, per i soggetti molto svantaggiati.
  • quota pari al 40% dei costi salariali riferiti ad un periodo di 24 mesi, per i soggetti disabili

Per “costi salariali” si intende, ai sensi del Reg. UE 651/2014, “l’importo totale effettivamente pagabile dal beneficiario dell’aiuto in relazione ai posti di lavoro interessati, comprendente la retribuzione lorda prima delle imposte e i contributi obbligatori, quali gli oneri previdenziali e i contributi assistenziali per figli e familiari”.

Le assunzioni devono riguardare esclusivamente soggetti svantaggiati, molto svantaggiati o con disabilità, così come definiti nei seguenti sottoinsiemi dell’art. 2 del Reg. (UE) 651/2014 e s.m.i.:
Per “soggetti svantaggiati” si intendono:
• Soggetti disoccupati da almeno 6 mesi.
• Soggetti di età compresa tra i 15 e i 24 anni.
• Soggetti in possesso del solo titolo di scuola secondaria inferiore.
• Soggetti che abbiano completato il proprio percorso di istruzione/formazione da non più di due anni e non abbiano ancora ottenuto il primo impiego.
• Soggetti che abbiano superato i 50 anni di età.

Per “soggetti molto svantaggiati” si intendono:
• Soggetti disoccupati da almeno 24 mesi.
• Soggetti disoccupati da almeno 12 mesi e che abbiano un’età compresa tra i 15 e i 24 anni.

Nel caso in cui l’impresa opti per il regime di esenzione, le nuove assunzioni devono rappresentare un aumento netto del numero di dipendenti rispetto alla media dei 12 mesi
precedenti.

MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

La liquidazione, una volta approvata la domanda, avverrà previa presentazione della seguente documentazione:
1) Copia della comunicazione obbligatoria da cui si evinca la data di assunzione con contratto a tempo indeterminato o a tempo determinato (della durata minima di 24 mesi) full time o part time
2) Fidejussione bancaria o assicurativa (in originale)
3) Autodichiarazione dell’impresa che attesti che le nuove assunzioni risultino aggiuntive a quelle dell’organico al momento della presentazione della domanda. Si ricorda che, nel caso in cui l’impresa opti per il regime di esenzione, le nuove assunzioni devono rappresentare un aumento netto del numero di dipendenti rispetto alla media dei 12 mesi precedenti, fatti salvi i casi in cui la riduzione di personale sia stata determinata da dimissioni volontarie, invalidità, pensionamento per raggiunti limiti di età, riduzione volontaria dell’orario di lavoro o licenziamento per giusta causa”.

PROCEDURA

La procedura di valutazione è a sportello, ovvero secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande. L’apertura dello sportello è prevista  il giorno successivo alla pubblicazione del bando sul BUR.

DOTAZIONE FINANZIARIA

2 milioni di euro di cui:
€ 1.400.000,00 riservato alle imprese che procederanno ad effettuare le assunzioni a tempo indeterminato (Full – time o Part-time);
€ 600.000,00 riservato alle imprese che procederanno ad effettuare le assunzioni a tempo determinato (Full – time o Part-time – di durata di almeno 24 mesi).

Share this post:

Articoli collegati

[adrotate group="2"]

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.