Novità su Resto al sud – Esteso anche al commercio

Resto al Sud esteso anche alle attività commerciali e alle isole minori del Centro-Nord.

Sono queste le due novità che rafforzano ulteriormente l’incentivo per gli imprenditori under 56, già attivo nelle regioni del Mezzogiorno e in alcune aree del Centro Italia colpite dei terremoti del 2016 e 2017.

Il doppio ampliamento, che riguarda i settori di applicazione e i confini geografici, è stabilito dall’articolo 13 della Legge 9 novembre 2021, n. 156 (legge di conversione con modificazioni del Decreto-legge 10 settembre 2021, n. 121).

L’apertura al commercio consente di allargare in modo significativo il bacino dei potenziali beneficiari, come era già accaduto con l’estensione ai liberi professionisti.

COS’E’ RESTO AL SUD?

Finalità

Incentivare  la  nascita  di  nuove  attività  imprenditoriali  avviate  da  giovani  nelle  regioni  del Mezzogiorno e nei Comuni del cratere sismico Centro Italia e Isole del centro nord minori (dal 2021).

Destinatari

Le agevolazioni sono rivolte ai giovani tra 18 e 55 anni (under 56).

  • Siano residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, nei Comuni del cratere sismico Centro Italia e nelle isole minori del centro nord Italia al momento della presentazione della domanda di finanziamento o trasferiscano la residenza nelle regioni indicate dopo la comunicazione di esito positivo;
  • non abbiano  un  rapporto  di  lavoro  a  tempo  indeterminato  per  tutta  la  durata  del finanziamento;
  • non siano già titolari di altra attività di impresa in esercizio alla data del 21/06/2017 e non abbiano, nell’ultimo triennio, ottenuto altre agevolazioni per l’autoimprenditorialità;
  • non essere titolari di partita iva per esercizio attività analoga a quella proposta nei 12 mesi precedenti, laddove analoga è da intendersi partita iva associate a Codice ATECO identico, fino alla terza cifra di classificazione .

Le imprese possono essere già costituite al momento della presentazione della domanda (ma non prima del 21/06/2017) oppure possono presentare domanda persone fisiche e costituire la società entro 60 gg dall’approvazione.

Le società possono essere costituite anche da soci persone fisiche che non abbiano i requisiti anagrafici a  condizione che la  presenza di  tali  soggetti nella compagine societaria non  sia superiore ad un terzo e che gli stessi non abbiano rapporti di parentela fino al quarto grado.

La misura è rivolta a:

–     Imprese individuali;

–     Società, ivi incluse le società cooperative.

–     Titolari di Partita Iva

Estesa da novembre 2021 anche alle attività di commercio.

 

Avvio dei progetti imprenditoriali e durata

I  progetti  devono  essere  avviati  successivamente  alla  presentazione  della  domanda  di agevolazione  (imprese  già  costituite)  o  alla  data  di  costituzione  della  società  (imprese  da costituire).

La  realizzazione  dei  progetti  deve  essere  ultimata  entro  24  mesi  dal  provvedimento  di concessione.

 

Spese ammissibili

a) Opere edili relative a interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria connessa all’attività del soggetto nel limite massimo del 30%;

b) Macchinari impianti e attrezzature nuovi di fabbrica;

c) Programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;

d)   Spese relativa al capitale circolante nella misura massima del 20% del totale del programma: sono ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all’attività finanziata;

Agevolazioni

Fino ad un massimo di 50.000 euro per ogni richiedente (under 36) fino ad un massimo di 200.000 euro. Fino a 60.000 euro in caso di ditta individuale. Il finanziamento è così articolato:

a) 50% contributo a fondo perduto;

b) 50% sotto forma di un finanziamento bancario assistito da un contributo in conto interessi.

 

Il finanziamento bancario è rimborsato in otto anni dall’erogazione del finanziamento, di cui i primi 2 anni di pre-ammortamento.

La garanzia prestata dal fondo è rilasciata nella misura dell’80% dell’importo del finanziamento bancario.

 

VUOI SAPERNE DI PIU’? CHIAMACI ALLO 0861855809 oppure scrivi ad info@profiliaziendali.it.

 

Share this post:

Articoli collegati

[adrotate group="2"]

Lascia un tuo commento