Regione Abruzzo Bando Turismo – L.R. 77/2000 – Interventi sostegno Regionale imprese settore turismo

images (5)Il Bando relativo al ‘”PROGRAMMA DI ATTUAZIONE 2012-2014 – LEGGE REGIONALE 28.04.2000 N. 77 – “Interventi di Sostegno Regionale alle Imprese Operanti nel Settore del Turismo” è stato pubblicato sul BURAT SPECIALE Turismo n° 54 del 14/5/2014.

Pertanto, le domande potranno essere presentate a partire dal 15/5/2014 e fino al 14/7/2014.

Il Bando approvato con Deliberazione G.R. 279 del 14/4/2014 è stato corretto negli errori materiali e nell’adeguamento della modulistica relativa agli aiuti “de minimis” con determinazione DI15/57 del 9/5/2014.

FINALITA’ Le risorse finanziarie di cui alia L.R. 77/2000 saranno destinate ad agevolare gli investimenti, effettuati da imprese operanti nel settore del turismo, che siano finalizzati al raggiungimento di elevati standard di qualità delle strutture ricettive, sotto l’‘aspetto:ü  della sostenibilità ambientale, mediante l’utilizzo di tecnologie volte al risparmio energetico e alla riduzione dell’impatto, nonché al riutilizzo del patrimonio edilizio esistente;ü  della sicurezza, anche per famiglie con bambini;ü  dell’accessibilità per tutte le categorie di ospiti, ivi compresi i turisti con disabilita motorie e sensoriali.Una quota delle risorse stanziate (40% del fondo) sarà riservata alla realizzazione di programmi d’investimento riferiti a strutture turistico-ricettive localizzate nei territori all’interno delle ex Comunità Montane.
ATTIVITA’ AMMISSIBILI Sono ammissibili alle agevolazioni programmi d’investimento relativi alla gestione di:a)     strutture ricettive alberghiere:a1) alberghi con una dotazione minima di n.7 camere; servizi di ricevimento e di portineria/informazioni (hall) e una sala per uso comune, nonché i requisiti perla classificazione di cui alla L.R. 45/1982 e ss.mm. e ii.;a2) residenze turistiche alberghiere con una dotazione minima di n. 7 unità abitative costituite da uno a più locali forniti di servizio autonomo di cucina; servizi di ricevimento e di portineria/informazioni (hall) e una sala per uso comune, nonché i requisiti per la classificazione di cui alla L.R. 45/1982 e ss.rnrn. e ii.;b)    strutture ricettive all’aria aperta:b1) campeggi come definiti dalla Legge Regionale n. 16/2003, articoli 4 e 5;b2) villaggi turistici come definiti dalla Legge Regionale n. 16/2003, articoli 2 e 3;c)     strutture ricettive extralberghiere:c1) residenze di campagna come definite della Legge Regionale n. 75/1995, Titolo VII;c2) case per ferie come definite della Legge Regionale n. 75/1995, Titolo II;c3) ostelli della gioventù come definiti della Legge Regionale n. 75/1995, Titolo III;c4) affittacamere come definiti della Legge Regionale n. 75/1995, Titolo V;c5) rifugi montani e rifugi escursionistici come definiti della Legge Regionale n. 75/1995, Titolo IV;d)    parchi di divertimento come definiti dal Decreto Ministeriale 23 maggio 2003,Titolo III;

e)     stabilimenti balneari.

INTERVENTI FINANZIABILI Sono ammissibili a finanziamento gli interventi, riferiti alle strutture di cui sopra, di seguito elencati:1)     realizzazione di nuove strutture ricettive attraverso:1.a) costruzione ex novo, compreso l’acquisto dell’area;1.b) riconversione e recupero di edifici, anche mediante il completamento di manufatti edilizi, compreso l’acquisto dell’immobile;1.c) riattivazione di strutture ricettive, compreso l’acquisto dell’immobile;2)     ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento, straordinaria manutenzione di attività esistente, già in esercizio;3)     realizzazione, ristrutturazione, ampliamento e ammodernamento di parchi di divertimento;4)     realizzazione, ristrutturazione, ampliamento e ammodernamento di stabilimenti balneari.Gli interventi finanziabili sopra elencati possono comprendere anche operazioni relative a realizzazione e riqualificazione di servizi annessi alle strutture di cui sopra, purché funzionali allo svolgimento dell’attività e nel rispetto dei requisiti stabiliti dalle vigenti normative per l’attività stessa.Gli interventi possono ricomprendere operazioni finalizzate all’ottenimento o all’implementazione delle certificazioni di qualità ambientale e/a dell’accoglienza, secondo standards e metodologie riconosciute quali ISO 9001, ISO 14001, EMAS, ECOLABEL europeo, ECOWORLDHOTEL. Dette certificazioni devono essere acquisite entro la rendicontazione del programma d’investimento.Nel caso in cui l’intervento da finanziare preveda il rifacimento, anche parziale, o la nuova installazione di impianti: idrico-sanitario e/o di climatizzazione e/o di piscine, devono essere utilizzate, pena l’esclusione della spesa dell’intero impianto dall’investimento ammissibile, tecnologie finalizzate al risparmio energetico e idrico.E’ ammissibile anche il solo acquisto di arredi, macchinari e attrezzature “nuovi di fabbrica”, ivi compresi:-       attrezzature e mezzi mobili finalizzati all’ospitalità su misura per disabili;-       sistemi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa e dell’ospite;

–       attrezzature medico-sanitarie per il pronto intervento.

Gli elettrodomestici e le apparecchiature elettroniche in generale sono ammissibili solo se ad alta efficienza energetica.

Il programma d’investimento ammesso a finanziamento deve essere iniziato, pena la decadenza dal beneficio, entro un anno dalla data di comunicazione del provvedimento di concessione e risultare concluso entro il termine stabilito nel provvedimento stesso, che non può essere superiore a due anni dal suo inizio. Per i programmi già avviati i due anni decorrono dalla data di notifica del provvedimento di concessione.

II soggetto proponente può presentare una sola domanda di agevolazione riferita a un unico programma e ad una sola attività/unità locale, pena l’esclusione.

CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA I programmi d’investimento devono essere organici e funzionali, riferiti ad una sola struttura ammissibile, nonché idonei a conseguire le finalità indicate nella domanda di finanziamento.Gli interventi finanziabili sono ammessi solo nel rispetto degli strumenti urbanistici, dei regolamenti edilizi e degli standards dimensionali previsti dalle normative vigenti e fatti salvi i diritti di terzi. Sono prioritariamente ammessi a finanziamento gli interventi che alla data di presentazione della domanda sono già cantierabili.I programmi di investimento proposti possono avere quale data d’inizio quella del 1 gennaio 2012.All’atto di presentazione della domanda di agevolazione, l’impresa richiedente, pena l’esclusione, deve avere la piena disponibilità del suolo e/o dell’immobile oggetto di intervento, rilevabile da idonei titoli di proprietà, diritto reale di godimento, locazione (solo per i fabbricati), comodato (solo per i fabbricati) o concessione amministrativa.
SOGGETTI BENEFICIARI I soggetti beneficiari dei contributi sono le Piccole e Medie Imprese che realizzano gli interventi di cui sopra e che svolgono o che intendano svolgere attività di gestione delle strutture di cui in precedenza e gli Enti no profit che gestiscono dette strutture esclusivamente per gli associati. Per Enti no profit si intendono le associazioni, le fondazioni e le altre istituzioni di carattere privato non commerciali, senza finalità di lucro, dotati di personalità giuridica.
AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI L’intensità di aiuti concedibile è stabilita nella misura del 45% dell’investimento ammissibile, e, comunque, non superiore a € 150.000,00.Gli aiuti «de minimis» non sono cumulabili con altri aiuti di Stato esentati o autorizzati relativamente agli stessi costi ammissibili.
SPESE AMMISSIBILI Sono riconoscibili le spese per beni materiali e immateriali necessari alle finalità del programma di investimento proposto, sostenute a far data dal primo gennaio 2012.Sono ammissibili le spese, al netto deII’IVA, riguardanti:a)     progettazione, studi e direzione lavori nella misura massima del 10% dell’importo totale delle spese ammissibili;b)    studi, consulenze e costi dell’organismo certificatore per l’assegnazione delle certificazioni di qualità, nella misura massima del 5% dell’importo totale delle spese ammissibili;c)     acquisto del terreno nella misura massima del 10% dell’importo totale delle spese ammissibili; il valore del terreno deve essere asseverato da una perizia giurata di stima, redatta da un tecnico abilitato, attestante che il relativo prezzo di acquisto non sia superiore al valore di mercato;d)    acquisto di immobile nella misura massima del 50% dell’importo totale delle spese ammissibili; il valore dell’ immobile deve essere asseverato da una perizia giurata di stima, redatta da un tecnico abilitato, attestante che il relativo prezzo di acquisto non sia superiore al valore di mercato del bene;e)     opere murarie e assimilabili;f)     impianti tecnologici;g)    macchinari, arredi e attrezzature nuovi di fabbrica, ivi compresi attrezzature e mezzi mobili finalizzati all’ospitalità su misura per disabili, attrezzature informatiche, attrezzature medico-sanitarie per il pronto intervento, attrezzature per la cura e il confort dei bambini;h)     operazioni finalizzate all’ ottenimento o all’implementazione delle certificazioni di qualità ambientale e/o dell’accoglienza, secondo standards e metodologie riconosciute quali ISO 9001, ISO 14001, EMAS, ECOLABEL europeo, ECOWORLDHOTEL;i)      programmi informatici e realizzazione siti WEB, commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa nella misura massima del 2 % dell’importo totale delle spese ammissibili.La soglia di investimento minima ammissibile e fissata in Euro 50.000,00. I pagamenti potranno essere regolati esclusivamente attraverso bonifico bancario (o postale), ricevuta bancaria o assegno non trasferibile emessi dal beneficiario.
VINCOLO DI DESTINAZIONE E VINCOLO DI STABILITA Il finanziamento del programma comporta l’imposizione del vincolo assoluto di destinazione turistica sugli interventi finanziati per un periodo di tempo pari a 10 anni a decorrere dalla data di acquisizione, da parte della FIRA, della perizia giurata attestante la completa realizzazione del programma d’investimento.L’atto di vincolo deve essere comprensivo della dichiarazione a non distogliere dal previsto impiego per lo stesso periodo i macchinari, gli arredi e le attrezzature finanziate.
EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI Le agevolazioni concesse sono erogate al beneficiario secondo le seguenti modalità:a)     un acconto pari al 40% del contributo concesso previa presentazione di uno stato d’avanzamento della spesa pari al 60% dell’investimento;b)    saldo a conclusione del programma d’investimento previa presentazione della documentazione finale, da presentare entro 12 mesi a partire dalla data di conclusione del programma d’investimento.
PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Le domande per l’ammissione ai benefici finanziari devono essere inoltrate a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del bando sul BURA ed entro e non oltre il sessantesimo giorno. Ai fini del termine di presentazione fa fede il timbro di spedizione dell’Ufficio postale accettante.

 

Share this post:

Articoli collegati

[adrotate group="2"]

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.